Livelli di assistenza

I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono l'insieme delle prestazioni e delle attività che il Servizio sanitario, attraverso le risorse pubbliche raccolte con la fiscalità generale, è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di compartecipazione alla spesa (ticket), perché presentano, per specifiche condizioni cliniche, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, individuale o collettiva, a fronte delle risorse impiegate.

I LEA, ovvero le attività e le prestazioni da garantire - attraverso un'interazione funzionale di strutture, risorse e professionisti - sono ricondotti a tre macro aggregati:

  • assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, che comprende tutte le attività di prevenzione rivolte alle collettività e ai singoli: promozione e educazione alla salute, profilassi delle malattie infettive e parassitarie, attività di prevenzione rivolte alla persona, vaccinazioni obbligatorie e raccomandate, programmi di diagnosi precoce, tutela della collettività e dei singoli dai rischi connessi con gli ambienti di vita anche con riferimento agli effetti sanitari degli inquinanti ambientali, tutela della collettività e dei singoli dai rischi infortunistici e sanitari connessi con gli ambienti di lavoro, sanità pubblica veterinaria, tutela igienico-sanitaria di alimenti e bevande e sorveglianza e prevenzione nutrizionale, attività di valutazione e di certificazione medico-legale;
  • assistenza distrettuale, che comprende tutte le attività e i servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio e le strutture semiresidenziali e residenziali: assistenza sanitaria di base, assistenza farmaceutica (farmacie territoriali), assistenza specialistica ambulatoriale, assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare, assistenza territoriale residenziale e semi-residenziale, assistenza integrativa, assistenza protesica, assistenza termale;
  • assistenza ospedaliera, che comprende le attività di emergenza/urgenza e pronto soccorso, le attività di ricovero ospedaliero per acuti nei diversi regimi (ordinario, day hospital, day surgery) e le attività di ricovero in lungodegenza e riabilitazione.

Le prestazioni, le attività e i servizi inclusi nei LEA rappresentano il livello "essenziale" garantito a tutti i cittadini.

Le Regioni possono utilizzare risorse proprie per garantire servizi e prestazioni ulteriori rispetto a quelli inclusi nei LEA.

I Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria, pur confermando l'universalità del Servizio Sanitario Nazionale che da corpo al "diritto alla salute", vengono a connotarlo con un elemento di "selettività" e vanno intesi:

  • come base condivisa di interventi che ciascuna regione/provincia deve garantire per assicurare una distribuzione equa dell'offerta sanitaria su tutto il territorio nazionale, a prescindere dai diversi modelli assistenziali scelti e attuati e indipendentemente dalle scelte operate sull'organizzazione dei servizi nei rispettivi ambiti territoriali;
  • come gli ambiti di attività sanitaria (territoriale, specialistica, farmaceutica, ospedaliera, socio-sanitaria, ecc.) che una comunità, in relazione al proprio livello socio-economico e culturale, intende garantire alla popolazione di riferimento.

La Giunta provinciale ha definito i livelli di assistenza sanitaria individuando, in particolare:

  • i livelli essenziali di assistenza, a favore degli iscritti al Servizio Sanitario Nazionale, recependo, con specifiche eccezioni e precisazioni contenute in apposite linee guida, i livelli individuati dal D.P.C.M. 29 novembre 2001;
  • i livelli aggiuntivi di assistenza, a favore degli iscritti al Servizio Sanitario Provinciale e residenti in provincia di Trento, come stabiliti dalla normativa provinciale, dai provvedimenti amministrativi adottati in esecuzione della stessa e dagli atti di programmazione sanitaria provinciale generali e specifici. In particolare, va segnalato che in ambito provinciale risultano erogate ulteriori prestazioni sanitarie aggiuntive.