Il Pronto Soccorso

Cosa è il Pronto soccorso?

  • Il Pronto Soccorso gestisce l’urgenza/emergenza 24 ore su 24, secondo priorità cliniche (triage).
  • Per i casi urgenti il Pronto Soccorso ha a disposizione tutti i servizi diagnostici dell’ospedale, ai quali è strutturalmente e funzionalmente collegato.
  • Decide se il paziente deve essere ricoverato d’urgenza e in quale struttura o reparto.
  • Presta cure immediate e pratica le diagnosi non rinviabili necessarie ai pazienti in condizioni critiche.

Dove si trova?

  • Il Pronto Soccorso è presente in ogni ospedale dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari.

Quando è attivo?

  • il Pronto Soccorso è attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Come funziona?

  • Al momento dell’accesso il paziente viene valutato da un infermiere adeguatamente formato (TRIAGE) e gli viene assegnato un codice colore che varia in base alla gravità.
  • Il paziente viene visitato e si decidono eventuali accertamenti e trattamenti.
  • Il paziente viene trattenuto, se necessario, per un perioro di osservazione oppure viene dimesso o ricoverato.

I codici di gravità

  • ROSSO: pericolo di vita, le funzioni vitali sono alterate. Tutti gli operatori sono al servizio della persona con tutta la tecnologia a loro disposizione.
  • GIALLO: pericolo di un aggravamento dei sintomi, le funzioni vitali sono mantenute.
  • Le prestazioni sono erogate nel più breve tempo possibile.
  • VERDE: condizioni non critiche né acute. Viene garantita la prestazione appena possibile ma solo dopo che gli operatori hanno risolto tutti i casi più urgenti.
  • BIANCO: situazioni che dovrebbero essere affrontate rivolgendosi in prima istanza al proprio medico di famiglia e poi, se necessario, a strutture ambulatoriali non dedicate all’urgenza. La prestazione è comunque garantita ma i tempi di attesa possono essere lunghi e non prevedibili.

Quando si paga il ticket?

  • Il ticket si paga a prestazione avvenuta e in base al codice colore con cui si esce dal Pronto Soccorso.
  • In base all’evoluzione del quadro clinico il codice colore può cambiare durante la permanenza in Pronto Soccorso (es: da verde può diventare giallo).

Quando non si paga il ticket?

  • Per le prestazioni inerenti le malattie per le quali il paziente è esente.
  • Per le prestazioni correlate alla gravidanza.
  • Per le ferite che richiedono sutura o applicazione di colla biologica, fratture oppure lussazioni o che abbiano richiesto l’applicazione di apparecchio gessato o di altro dispositivo di immobilizzazione permanente dell’articolazione (es: doccia o fasciatura rigida).
  • Per le prestazioni collegate a episodi di violenza di genere (violenza sessuale o domestica).
  • Quando l’invio al Pronto Soccorso è richiesto dal medico curante o del medico di continuità assistenziale purché il paziente si presenti entro il giorno successivo alla data della prescrizione.
  • Per gli infortuni sul lavoro riconosciuti dall’INAIL.
  • Per gli accessi seguiti da ricovero o da decesso del paziente.
  • Per i pazienti accolti in osservazione breve in Pronto Soccorso o in reparto.
  • Per i minori con età inferiore ai 14 anni.
  • Per le persone con una percentuale di invalidità superiore al 67%.
  • Per gli esenti per motivi di reddito.
  • Per gli accessi da avvelenamento acuto.
  • Per condizioni soggettive (es. donazione sangue, vittime di terrorismo, vittime di guerra, persone danneggiate da complicanze irreversibili a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni, somministrazione di emoderivati).

Lo sapevi?

  • Il triage assegna a ogni paziente il codice di gravità, in modo da stabilire le priorità di accesso al Pronto Soccorso.
  • I criteri del triage sono gli stessi in tutta la rete ospedaliera e tengono conto sia delle condizioni cliniche sia della loro possibile evoluzione.
  • Nel portale web dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari sono disponibili in tempo reale i numeri relativi alle persone in attesa nei singoli pronto soccorso, per codice di gravità assegnato.
  • Ogni Pronto Soccorso ha a disposizione una Unità di Osservazione Breve. Serve per osservazioni cliniche, trattamenti, approfondimenti diagnostici che richiedono tempi più lunghi (al massimo 24 ore) rispetto alla normale visita del Pronto Soccorso.
  • Solo a Trento, al Pronto soccorso è attivo il reparto di medicina d’urgenza dove i pazienti possono essere trattenuti fino a 72 ore.