Martedì, 09 Gennaio 2018

Diffuso dall'Appa il report di dicembre che evidenzia un indice di inquinamento "moderato"

Qualità dell'aria in Trentino: da cinque anni PM10 sotto il limite dei 35 sforamenti

Il 2017 si è concluso con un "bilancio" sostanzialmente positivo per quanto riguarda la qualità dell'aria in Trentino. I dati di dicembre hanno evidenziato un indice di inquinamento "moderato", ma la buona notizia è che si conferma per il quinto anno consecutivo il rispetto del limite annuale di 35 sforamenti in tutte le stazioni della rete provinciale relativamente alle polveri sottili PM10.

L'indice di inquinamento "moderato" - spiega l'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente nel report di dicembre diffuso oggi - è determinato dai superamenti del limite previsto per la media oraria di biossido di azoto NO2 registrati presso la stazione “di traffico” di via Bolzano a Trento, e dai superamenti del limite previsto per la media giornaliera di polveri sottili PM10 registrati presso la stessa stazione del capoluogo e a Borgo Valsugana. Un indice di inquinamento "basso" si è invece registrato in Piana Rotaliana, Rovereto e Riva del Garda.

Per quanto riguarda Trento, all’interno di una situazione generale senza dubbio positiva (la stazione di Parco S. Chiara ha evidenziato 14 sforamenti nel corso del 2017), i dati della stazione di via Bolzano risentono del maggiore contributo delle emissioni provenienti dal traffico. Un fronte di un certo rilievo che rimane ancora aperto è la presenza, talvolta eccedente i limiti, del biossido di azoto in prossimità delle arterie di maggior traffico. La stazione dedicata a questo tipo di misura, sempre in via Bolzano, evidenzia infatti, come successo anche in questo ultimo mese, delle punte orarie superiori al limite, e soprattutto un valore medio annuale ancora superiore al limite previsto per la qualità dell’aria.

In allegato il report Appa di dicembre. Per ulteriori info consultare il sito www.appa.provincia.tn.it

Comunicato 26

SALUTE