Giovedì, 19 Settembre 2019

La Giunta, su proposta dell'assessore Segnana, ha recepito l'accordo fra il Governo e le Regioni

Prevenzione e controllo dell'influenza

Recepito oggi dalla Giunta provinciale, su proposta dell'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, l'accordo fra il Governo, le Regioni e le Province autonome in tema di prevenzione e controllo dell'influenza, con le raccomandazioni per la stagione 2019 - 2020. "Un documento - spiega l'assessore Segnana - ben presente all'Azienda sanitaria, che già da tempo adotta le misure indicate quale standard nazionale. A tal fine vale la pena ricordare che la vaccinazione contro l'influenza, offerta gratuitamente durante l'autunno ai soggetti che in base alle proprie condizioni sono esposti ad un rischio maggiore di complicanze, è uno degli accorgimenti, seppur il principale. Vi sono infatti misure di igiene e protezione individuale che rappresentano azioni importanti per limitare la diffusione del virus, la cui efficacia è stata riconosciuta dall'Organizzazione mondiale della Sanità".

L'influenza è una malattia infettiva che colpisce l'apparato respiratorio ed interessa tutte le persone, bambini e adulti, indipendentemente dallo stile di vita, dall'età e dal luogo di vita. Il virus dell'influenza si trasmette per via aerea o per contatto fisico. Le misure di prevenzione sono finalizzate a diminuire la diffusione del virus e sono gesti semplici ed economici che possono essere osservati tutti come igiene delle mani (lavaggio accurato e regolare delle mani, utilizzo di disinfettante), igiene respiratoria, comprensiva dell'utilizzo di fazzoletti monouso, isolamento della persona influenzata, soprattutto nella fase iniziale della malattia, evitare il contatto fisico, utilizzo di mascherine da parte delle persone influenzate.
Accanto a tali semplici misure, si affianca la vaccinazione che è la misura più efficace e che è raccomandata in special modo per le persone a rischio, quali ad esempio, anziani di età pari o superiore ai 65 anni, donne in gravidanza, persone affette da malattie croniche dell'apparato circolatorio o di quello respiratorio, pazienti diabetici, pazienti oncologici, persone che per motivi di lavoro sono a contatto con animali, persone che lavorano nei servizi pubblici di primario interesse collettivo, ad esempio, vigili del fuoco, forze dell'ordine, operatori sanitari, ecc.

Comunicato 2220