Martedì, 01 Agosto 2017

Allerta della Protezione civile trentina

Ondata di caldo in arrivo: previsti fino a 38° in valle dell’Adige

Un’alta pressione di origine africana determinerà temperature elevate tra oggi e domenica 6 agosto. Le temperature sono previste in aumento su tutto il territorio. In Valle dell’Adige, in particolare, sono previste temperature superiori ai 35 °C per più di tre giorni, almeno fino a venerdì 4 agosto, con un picco che potrebbe arrivare, nella zona di Rovereto, a 38°. Sono possibili anche, soprattutto nel fine settimana, temporali o rovesci di forte intensità.
Per tali ragioni, come previsto dal Sistema di allerta provinciale, il Dipartimento della Protezione Civile ha convocato oggi nel primo pomeriggio, presso la Sala di piena di via Vannetti, la Conferenza congiunta dei vari soggetti interessati, in particolar modo il Dipartimento delle politiche sanitarie e sociali, l'Azienda per i Servizi Sanitari, oltre ai Vigili del Fuoco e all'Agenzia per le risorse idriche e l'energia, al fine di attivare tutti i possibili e necessari interventi del caso. Al termine della riunione è stata emanata un’allerta ordinaria relativa ai fondovalle del territorio provinciale nella quale sono indicate alcune prescrizioni rivolte alla popolazione.

Come noto, a livello scientifico è stato riconosciuto che l’effetto di condizioni climatiche estive estreme (temperatura elevata associata ad elevato tasso di umidità dell’aria) costituisce un rilevante problema di sanità pubblica, in particolare per quella fascia di popolazione, così detta dei grandi anziani, che in tale situazione si trova ad essere la categoria più vulnerabile e per la quale possono verificarsi rischi di peggioramento delle condizioni di vita e di salute. Per tali ragioni la Giunta provinciale ha predisposto, ancora nel 2005, un “Piano di azioni e direttive per l’emergenza caldo anziani”.
Ecco i principali consigli di comportamento rivolti alla popolazione, in particolare anziana, contenuti nell’allerta emessa dalla Protezione Civile:

- bere molta acqua (almeno 10 bicchieri al giorno), anche in assenza di sete;
- fare pasti leggeri, scegliendo cibi ricchi di acqua, privi di grassi e poco zuccherati;
- ridurre l’attività fisica;
- evitare sbalzi di temperatura connessi all'uso di condizionatori;
- fare frequenti bagni o docce e, al bisogno spugnature fresche;
- utilizzare abbigliamento leggero di fibre naturali, preferibilmente di colore chiaro
Per completezza di informazione si ricorda che, in caso di bisogno, è opportuno rivolgersi al proprio medico di famiglia.

Comunicato 2047