Venerdì, 23 Marzo 2018

Oggi la Giunta provinciale, su proposta dell'assessore Zeni, ha rilanciato l'iniziativa

"Due passi in salute con le Acli": arriva la nuova edizione

Dopo gli ottimi esiti del 2017, ritorna "Due passi in salute con le Acli", progetto condiviso dall'Assessorato alla salute e politiche sociali, TrentinoSalute 4.0 con Fap Acli di Trento e Federazione Anziani e Pensionati. Fra gli obiettivi la promozione dell'invecchiamento attivo e di corretti stili di vita attraverso le nuove tecnologie: "L'invecchiamento attivo è la strategia condivisa a livello internazionale non solo per salvaguardare la capacità di rimanere in buona salute, ma anche per promuovere la socializzazione dei nostri anziani, facendo leva su interessi culturali, artistici e turistici in un'ottica intergenerazionale - commenta l'assessore alla salute e politiche sociali, Luca Zeni -. Perché le persone anziane sono una risorsa importante per la nostra società".

L'invecchiamento attivo è una delle sfide che ci attende nei prossimi anni. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (i dati sono del 2012), nel periodo fra il 2000 e il 2050 la popolazione mondiale degli ultrassessantenni aumenterà passando da 605 a 2.000 milioni, in percentuale dall'11% al 22%, mentre le persone con 80 anni o più potrebbero quadruplicare raggiungendo la cifra di 395 milioni. Anche in Italia l'invecchiamento della popolazione è un fenomeno in crescita esponenziale: secondo i dati Istat (riferiti al 2013) le previsioni riportano che nel 2065 gli uomini potrebbero arrivare ad avere una speranza di vita intorno agli 84 anni e le donne attorno ai 90 anni; mentre gli ultrasessantacinquenni raggiungeranno quota 32% nel 2043.
Per quanto riguarda il Trentino, se nel 1983 la popolazione con meno di 15 anni rappresentava il 19,2% della popolazione, quella ultra 64enne il 13,9% e quella ultra 74enne il 5,6%, nel 2013 la popolazione al di sotto dei 15 anni si è ridotta al 15,2% del totale totale, mentre quelle con più di 64 e di 74 anni sono salite, rispettivamente, al 20,1% e al 10%. Ciò significa che oggi, in Trentino, una persona ogni cinque ha più di 64 anni e tra questi la metà ne ha più di 74 (52.911).
"Due passi in salute con le Acli" viene condotto nell'ambito delle attività del Centro di Competenza sulla Sanità Digitale “TrentinoSalute4.0”, governato dalla Provincia autonoma di Trento, dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari e dalla Fondazione Bruno Kessler. Il progetto nasce sulla scia di una serie di attività proposte dalla Federazione Anziani e Pensionati delle Acli, che organizza delle passeggiate naturalistiche e culturali volte a promuovere la salute e il benessere delle persone anziane. Allo scopo di implementare l’aspetto educativo e motivazionale, anche con il supporto delle nuove tecnologie, la Federazione e l’Assessorato alla Salute e Politiche sociali hanno condiviso nel 2017 l’opportunità di coinvolgere il Centro di Competenza sulla Sanità Digitale “TrentinoSalute4.0”.
Nella prima edizione sono state interessate 60 persone anziane, che hanno aderito ad otto uscite naturalistiche e culturali pensate per promuovere l'attività fisica e stimolare la conoscenza e l'interesse verso il territorio. Un sottogruppo di 23 ha, inoltre, utilizzato con regolarità la app contapassi e la app formativa sulla corretta alimentazione. L'utilizzo della tecnologia ha avuto un esito estremamente positivo: i dati raccolti con le app e i risultati del quiz hanno dimostrato impegno e risultati.
L'obiettivo del progetto, anche per questa seconda edizione, è promuovere l’invecchiamento attivo e i corretti stili di vita attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie. Nello specifico, sono quattro i fattori su cui si interviene: favorire l’attività fisica, promuovere una dieta equilibrata, favorire l’esercizio mentale, promuovere l’utilizzo delle tecnologie per la salute.

Comunicato 536

SALUTE