Giovedì, 28 Dicembre 2017

Riguardano i minori, gli adulti a rischio emarginazione e le donne vittime di violenza

Attività socio-assistenziali di livello provinciale: arrivano 8,4 milioni

Oggi la Giunta provinciale, su proposta dell'assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni, ha disposto il finanziamento per il 2018 alle organizzazioni che gestiscono servizi a carattere residenziale per i minori, per gli adulti a rischio di emarginazione e le donne vittime di violenza e ha autorizzato la stipulazione dei relativi contratti per attività socio-assistenziali di livello provinciale.
Con lo stesso provvedimento sono stati approvati due specifici programmi di spesa, uno per i minori e uno per adulti e donne, in quanto in situazioni particolari i servizi sociali territoriali possono individuare ulteriori organizzazioni, sia in provincia che fuori, che rappresentano la soluzione ottimale per casi specifici.

I finanziamenti per il 2018 alle organizzazioni che gestiscono servizi a carattere residenziale per l'area minori, compresi i servizi rivolti a nuclei monogenitoriali, sono così suddivisi:

  •  Progetto 92, Cooperativa sociale Trento: 2.000.000 di euro;
  •  Casa Mia - Azienda pubblica di servizi alla persona, Riva del Garda: 1.590.000 euro;
  •  Cooperativa di solidarietà sociale SOS Villaggio del Fanciullo, Società cooperativa sociale di Trento: 2.108.000 euro;
  •  Associazione provinciale per i minori onlus, Trento: 1.370.000 euro;
  •  Casa Generalizia della Pia società tirolese di San Giuseppe Comunità di Murialdo, Trento: 350.000 euro;

I finanziamenti per i servizi rivolti ad adulti a rischio di emarginazione e donne vittime di violenza sono invece:

  •  Progetto 92, Cooperativa sociale Trento: 65.000 euro;
  •  Associazione cattolica internazionale al servizio della giovane (Acisjf): 149.000 euro;
  •  Arcobaleno società cooperativa sociale: 34.000 euro;

A questi vanno aggiunti due programmi di spesa, l'uno rivolto ai minori (per un importo di 621.000 euro) e l'altro agli adulti a rischio di emarginazione e alle donne vittime di violenza (per un importo di 120.000 euro) per situazioni specifiche.

Comunicato 3430

SALUTE