Provincia autonoma di Trento

Il monitoraggio delle attività di contact tracing dei casi di Covid-19 da parte dei Servizi di Igiene pubblica da marzo a maggio 2020 (Fase 1) in Trentino

Individuare precocemente i casi, rintracciare i contatti stretti, testarli e metterli in isolamento/quarantena (contact tracing) sono attività fondamentali nel controllo di una malattia diffusiva come il Covid-19.

Nel presente report si rende conto dell'attività di contact tracing effettuato in provincia di Trento durante la fase 1, da inizio marzo a inizio maggio da parte dei servizi di Igiene Pubblica e del Dipartimento di prevenzione APSS.

L'analisi dei dati getta luce su alcuni aspetti interessanti e utili anche per affrontare la fase 2 di riapertura delle attività:

  • Quanti dei contatti di casi Covid si sono infettati a loro volta (tasso di attacco secondario)?
  • Dove avvengono i contagi?
  • Quali sono i cambiamenti nel tempo nel luogo/modalità del contagio (effetti del lockdown)?
  • I bambini si infettano come gli adulti?
  • I bambini sono in grado di contagiare altri e, se sì, in che misura?
  • Quanti sono stati complessivamente i focolai e di quante persone erano composti?
  • Quanti giorni trascorrono tra l'ultimo contatto con il caso e l'inizio della sorveglianza da parte dell'Igiene pubblica?
  • Quanto incide la numerosità complessiva dei casi e contatti sull'efficienza dei servizi di sanità pubblica?

Tutte le risposte e i dettagli nel report.

Data
04/06/2020

Potrebbe interessarti Le pubblicazioni correlate

Il monitoraggio delle attività di contact tracing dei casi di Covid-19 da parte dei Servizi di Igiene pubblica da marzo a maggio 2020 (Fase 1) i...

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informativa cookiescookies